Devo confessare, mi ci è voluto un po ‘di tempo per farmi fare effettivamente la seduta e filtrare le mie vecchie foto, per trovare quelle adatte a presentare ad un’agenzia microstock per iniziare a vendere. Alla fine l’ho fatto, ma ragazzo come avrei voluto farlo molto prima, quando ho sentito parlare della fotografia al microstock, la prima volta.

 

Ma aspetta un minuto, cos’è microstock?

A differenza delle grandi agenzie fotografiche come Getty, le agenzie microstock sono le aree in cui i fotografi possono autorizzare le loro foto a essere vendute come immagini royalty-free. Ciò significa che gli acquirenti possono utilizzare le foto che hanno acquistato, senza dover pagare una royalty (o una tassa di licenza) ogni volta che le usano. Non entrerò in molti dettagli su questo, poiché probabilmente avrai sentito parlare di una cosa chiamata “Google” ormai, vai avanti e leggi di più a riguardo .

Per noi fotografi, quali sono i reali vantaggi della vendita del nostro lavoro come microstock? Di seguito sono riportati sette vantaggi dalla mia esperienza. Tuttavia, potresti trovare ancora più vantaggi da solo. Quindi eccoci qui:

1. Migliora la qualità generale della tua fotografia

Il motivo è semplice: le agenzie Microstock hanno linee guida rigorose per accettare le foto inviate, al fine di mantenere la qualità. Indovina cosa significa? Sì, dovrai davvero impegnarti a scattare quelle foto.

Ogni agenzia microstock è diversa, ma in generale, cose come rumore, cattiva composizione, cattiva illuminazione, strane tonalità di colore (bilanciamento del bianco errato), sfuocato e sfocato sono ragioni piuttosto comuni di rifiuto. Questo ti terrà sicuramente attento come fotografo e ti costringerà a sbirciare le immagini con attenzione prima di inviarle. Se è quello che fanno i revisori, perché perdere tempo a inviare una foto che non verrà approvata? Non posso dirti quanto mi ha migliorato come fotografo.

 

2. Spinge la tua creatività a nuovi livelli

Arriva un punto mentre navighi su un sito Web microstock, alla ricerca di foto simili quando pensi: “oh uomo, c’è qualche idea a cui non si è già pensato?” Questo ti costringerà a fare brainstorming di idee più creative, a inventare immagini che nessun altro contributore ha ancora presentato. Devo dirti quanto questo migliorerà drasticamente il tuo processo di pensiero fotografico complessivo? Dimentica il calcio, questo allena i tuoi occhi a vedere diversamente e le tue cellule cerebrali a scattare un po ‘più forte.

3. Utilizza foto inutilizzate

Mentre alcuni scatti che devi prendere di proposito per fare scorta, altri sono proprio quello che puoi trovare nei tuoi archivi. Se sei qualcosa come me, probabilmente hai centinaia, se non migliaia, di foto inutilizzate che si trovano in giro, occupando più spazio su disco, e tanto meno unità di backup e servizi cloud. Mentre questi dischi rigidi extra e i servizi di backup stanno diventando sempre più economici ogni giorno, i costi aumentano con il tempo. Non passerà molto tempo prima che ti rendi conto di avere terabyte di file RAW e JPEG, per non parlare della seccatura di armeggiare con molti dischi rigidi.

 

Hai mai pensato di mettere a frutto le tue foto inutilizzate? Bene, conosci il detto “La spazzatura di un uomo è il tesoro di un altro uomo”. Non crederai a quante di queste foto possano essere utilizzate da altri. Potrebbero salvare la giornata di qualcuno da qualche parte su questo pianeta. Quindi, invece di tenerli sepolti nei dischi rigidi, rispolverali, lucidali un po ‘, e se pensi che soddisfino i criteri, mettili a frutto. Chi lo sa, potrebbero finire per pagare le proprie spese ricorrenti per il backup su cloud.

4. Dà uno scopo al tuo hobby

Hobbista o no, è probabile che tu sia interessato alla fotografia perché è ciò che ami fare. Se non sei un professionista che viene pagato per fare fotografia, giustificare di stare sveglio fino a tardi a modificare le tue foto con il coniuge non fotografo o spiegare il rallentamento di quella vacanza da sogno in famiglia con i tuoi figli, può essere un po ‘troppo difficile da fare.

Siamo onesti, questo è un hobby costoso, quindi vendere le tue foto alle agenzie microstock è probabilmente il modo più semplice non solo di guadagnare qualche soldo in più sul lato, ma di aggiungere un obiettivo e uno scopo alla tua fotografia. D’altra parte, se sei un professionista, sono sicuro che quei colpi extra che non potresti vendere e che non hai bisogno dell’approvazione di nessuno da usare, avranno un valore commerciale, quindi perché no?

5. È impegnativo come vuoi che sia

Vendere le tue foto come microstock è, beh, quasi come gestire la tua mini-impresa, meno tutte le lotte che derivano da un’azienda in piena regola, pur mantenendo alcuni dei vantaggi. Come nel caso della gestione di un’attività in proprio, spetta a te quanto tempo e impegno vuoi riversare in essa e, successivamente, quanto rendimento otterrai. La buona notizia è che puoi accelerare o rallentare nel modo più comodo che desideri. Hai il completo controllo del processo, specialmente quando questo non è il tuo reddito principale. Cosa c’è che non va?

 

6. Può portare soddisfazione e fama

Hai sentito parlare della ricerca di Google Immagini? Una volta che hai iniziato a vendere le tue foto, vai avanti e cerca su Google usando una delle tue immagini e vedi di persona dove e quante volte vengono utilizzate quelle tue foto. La tua mente sarà spazzata via dai luoghi in cui la tua foto potrebbe finire. Non sorprenderti se un amico un giorno ti manda uno scatto di una famosa rivista con la tua foto magnificamente usata in essa. Vai avanti e vantati del contenuto del tuo cuore, usalo a tuo vantaggio e mostra al mondo che hai pubblicato lavori.

7. Ti dà un po ‘di denaro extra sul lato, quasi indefinitamente!

L’ho tenuto per ultimo per due motivi:

  1. Non volevo che ti concentrassi solo sulla parte del denaro e perdessi gli altri incredibili benefici.
  2. Volevo mantenere il meglio per ultimo! Non solo vendere le tue foto come microstock ti renderà un fotografo migliore e ti darà soddisfazione, ma ti darà anche qualche soldo in più sul lato.

Hai notato come ho messo in grassetto e sottolineato la parola “pochi”? A meno che tu non abbia una grande squadra di modelli professionisti, truccatori, artisti del guardaroba e lo stai facendo come tuo lavoro principale, probabilmente non farai così tanti soldi, perché dopo tutto, le agenzie microstock in generale non pagano molto. Ad esempio, come collaboratore di shutterstock.com, ricevo solo 25 centesimi per download. Non fraintendetemi, non mi lamento, infatti, se ci pensate, questo è solo per download per immagine. Se hai abbastanza immagini di alta qualità, con un alto valore commerciale, vedrai presto i numeri sommarsi.

 

Per mettere le cose in prospettiva, se quei pochi dollari in più pagano almeno le spese di backup del cloud invece di prosciugarti o ti danno qualche soldo in più per acquistare alcuni accessori online, allora tutto questo ne vale la pena. Ecco la buona notizia, il tuo portafoglio continuerà a crescere nel tempo e con ciò, le tue foto continueranno a portarti denaro durante il sonno quasi indefinitamente.

Perché quasi, chiedi? Bene, perché alcune foto potrebbero andare fuori moda, o saranno abusate da così tanti designer, blog e pubblicazioni, quindi dovrai continuare ad aggiornare e aggiungere più foto al tuo portfolio per mantenerlo aggiornato. Ciò dovrebbe mantenere il flusso di reddito in qualche modo stabile, se non migliorarlo nel tempo, soprattutto quando si inizia ad analizzare e apprendere i dettagli e ciò che vende più degli altri.

Conclusione

Vorrei avere qualcuno che ha aperto gli occhi su questi benefici molto tempo fa – quindi eccoti qui, spero di aprire i tuoi. Se sei già un fotografo microstock o riesci a pensare ad altri benefici, mi piacerebbe ascoltarli e discuterne con te nella sezione commenti qui sotto, forse mi aprirai gli occhi su qualcosa che non ho mai visto prima.


giac ferrari
giac ferrari

Giac Ferrari fotografo milanese specializzato in fotografia pubblicitaria, con particolare esperienza nella moda intimo e nel Beauty per la Cosmetica, è il fondatore di ateneofotografia.it. Nei circa trent' anni della sua attività di professionista, ha collaborato con le maggiori agenzie di pubblicità ed editori a livello internazionale. Attualmente è Multimedia Specialist e Fotografo Indipendente; attività alle quali, si aggiungono consulenze e docenze in tema di fotografia e tecnologie multimediali.